Gesto folle di Evra: calcio in faccia ad un tifoso del Marsiglia, ecco le immagini

Evra
Evra

Davvero incredibile quanto avvenuto nelle scorse ore prima del match di Europa League tra il Vitoria Guimaraes ed il Marsiglia, come dimostra il video che proprio in queste ore sta facendo rapidamente il giro del web e che purtroppo vede protagonista negativo Evra. L’ex terzino della Juventus, come si intravede dalle immagini in questione, ha colpito con un calcio in faccia un tifoso dell’OM, con una prima ricostruzione pubblicata dal sito ufficiale di L’Equipe che ci aiuta a far chiarezza su quanto avvenuto.

Le cose per il Marsiglia non stanno andando così bene in stagione e a quanto pare i calciatori della compagine francese sono stati pesantemente contestati ancor prima che iniziasse la partita di Europa League in terra portoghese. Ad un certo punto alcuni elementi della rosa si sono avvicinati al settore ospiti per chiedere spiegazioni e a quel punto pare che la situazione sia degenerata in pochi secondi.

Alcuni sostenitori transalpini, infatti, pare abbiano superato le barriere, per poi dirigersi a distanza ravvicinatissima alle vittime della contestazione. Tra gli elementi più insultati dalla curva pare ci sia stato proprio Evra, il quale ad un certo punto ha letteralmente perso la testa ed ha colpito con un calcio in faccia un sostenitore particolarmente caldo. Solo l’intervento di Rolando e degli altri giocatori dell’OM ha fatto sì che la situazione grossa emergenza rientrasse tutto sommato abbastanza in fretta.

Resta il gesto sconsiderato dello stesso Evra, non a caso espulso ancor prima che iniziasse l’incontro di Europa League e che a questo punto rischia gravi sanzioni sia dalla Società, sia dalla stessa UEFA. Indipendentemente da quanto può aver ascoltato l’ex difensore della Juventus durante il suo riscaldamento, un episodio del genere (che a molti ha ricordato quanto fatto molti anni da un altro francese dal sangue caliente, vale a dire Cantona con la maglia del Manchester United) va condannato senza remore. Ecco il video in questione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*