Pazzesca, pazzesca formazione in mente per Ventura: tifosi sbigottiti per Italia-Svezia

Ventura
Ventura

Non saranno ufficiali fino alle 20 di questa sera, ma le formazioni di Italia-Svezia potrebbero regalare davvero sorprese clamorose alla luce delle indiscrezioni riportare da Sky. Durante la rifinitura di domenica pomeriggio, infatti, Ventura pare aver provato una soluzione davvero assurda, soprattutto se pensiamo a quanto male abbia fatto la squadra in Svezia in occasione del match di andata nello spareggio che ci dirà se andremo ai Mondiali o meno. Proviamo dunque a raccogliere tutte le informazioni.

Confermato ovviamente capitan Buffon tra i pali, ma soprattutto la linea a 3 della difesa composta ancora una volta da Barzagli, Bonucci e Chiellini. Il trio che tanto bene ha fatto con la maglia della Juventus in questi anni a detta di molti avrebbe dovuto prevedere un sacrificio per tentare di tenere la linea più alta, ma a quanto pare Ventura pare volersela giocare inizialmente con tre centrali che tendono a salire poco.

Davanti a loro il solito centrocampo a 5, con la conferma sugli esterni per Candreva a destra e Darmian a sinistra, mentre l’unico del terzetto centrale titolare in entrambe le sfide sarà Parolo. Poi cominciano le sorprese, perché al posto di Verratti squalificato con ogni probabilità assisteremo all’esordio assoluto di Jorginho, mentre il grande escluso nella formazione di Italia-Svezia rischia di essere De Rossi. Al suo posto, infatti, sarebbe già pronto Florenzi, per cercare di assicurare più dinamicità a tutta linea ed un elemento bravo a buttarsi negli spazi.

In attacco, oltre ad Immobile, l’altra grande sorpresa dello schieramento titolare. Secondo Sky, infatti, le ultime prove generali hanno visto titolare Gabbiadini, libero di svariare attorno alla prima punta della Lazio. Fuori dunque Insigne ed El Shaarawy, da molti visti come i due elementi più in forma tra i convocati. Saranno effettivamente queste le scelte di Ventura in vista della formazione di Italia-Svezia? Staremo a vedere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*