Cesari conferma l’errore del VAR contro la Juve: Mughini sportivissimo, ma Auriemma?


Durante l’ultima puntata di Tiki Taka si è tornati a parlare del VAR, come si potrà notare anche dal video estratto direttamente da Italia 1. In particolare, l’ex arbitro Graziano Cesari ha dimostrato che in occasione della sfida di campionato tra Sampdoria e Juventus la squadra bianconera sia stata penalizzata per l’ennesima volta. In particolare, tutto nasce dal terzo gol realizzato dalla compagine blucerchiata, che come potrete notare dalle immagini arriva grazie ad una netta spinta ai danni di Khedira.

Il regolamento dice chiaramente che l’arbitro e gli assistenti, anche in un secondo momento, avrebbero dovuto segnalare l’accaduto, portando quindi all’annullamento del gol del momentaneo 3-0. Ora, il calcio non è una scienza esatta e non è detto che in questo modo la Juventus avrebbe comunque raggiunto il pareggio, ma è altrettanto vero che l’episodio abbia dato la condanna definitiva ad una sconfitta piuttosto pesante per la Juventus in ottica classifica.

Mughini come sempre ha mostrato coerenza durante la puntata di Tiki Taka, evitando di cercare scuse per l’ennesimo episodio sfavorevole con il VAR, ma al contrario facendo i complimenti al Napoli. Allo stesso tempo il buon Auriemma, sempre pronto a scagliarsi contro la Juventus alla minima decisione favorevole, in questo caso ha preferito cambiare argomento e parlare subito di Zapata e Quagliarella. Gli ex attaccanti azzurri, infatti, sono stati decisivi nella vittoria della Sampdoria contro la squadra bianconera, dando quindi lo spunto al giornalista partenopeo per cambiare subito argomento in una posizione piuttosto scomoda.

Condividiamo a questo punto il video che ci mostra cosa è avvenuto durante l’ultima puntata di Tiki Taka, con Auriemma ovviamente esaltato per l’andamento del suo Napoli e pronto a cambiare argomento quando viene portata alla sua attenzione l’ennesimo errore del VAR, che anche contro la Sampdoria ha penalizzato eccessivamente la Juventus.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*