Pazzesco e folle autogol di Bonucci: l’intervento goffo è il video dell’anno


Si fa davvero fatica a trovare le parole per l’autogol di Leonardo Bonucci, giunto pochi minuti fa in Europa League contro il modestissimo Austria Vienna come si potrà notare dal video che abbiamo avuto modo di ammirare su Sky. L’ex difensore della Juventus, infatti, si è avventato in scivolata su una palla lentissima calciata da Monschein, dopo che il giocatore della compagine austriaca aveva saltato Donnarumma in uscita. Ebbene, l’intervento di Leo è stato così divertente e goffo da fare in pochissimi minuti il giro del web.

Difficile capire cosa sia passato nella mente dello stesso Bonucci, che ha probabilmente sottovalutato la traiettoria dell’attaccante avversario. E poco importa se a strettissimo giro sia arrivato il pareggio del Milan con Rodriguez, perché l’erroraccio del capitano rossonero già in questi secondi sta creando fortissime discussioni e sfottò sui social. Come del resto potrete facilmente immaginare visto il gollonzo realizzato questa sera da un Austria Vienna davvero limitato dal punto di vista tecnico.

Insomma, nonostante il livello bassissimo del girone di Europa League capitato al Milan, i ragazzi di Montella stanno riuscendo nella clamorosa impresa di mettere tutto in discussione, con due pareggi giunti contro l’AEK Atene, prima di affrontare la squadra più scarsa tra le quattro questa sera. A quel punto ci ha pensato Bonucci a rendere la serata più movimentata, con un errore che al dì là di come finirà la partita è destinato a creare ulteriori discussioni nel corso dei prossimi giorni, considerando anche il clamore con cui il difensore è stato accolto provenendo dalla Juventus.

A questo punto dobbiamo necessariamente mettere da parte tutte le chiacchiere, per condividere coi nostri lettori il video che abbiamo estratto da Sky negli ultimissimi minuti, dopo il gol realizzato da Monschein grazie alla clamorosa collaborazione di Leonardo Bonucci protagonista anche in Europa League di una “prodezza” alla quale certo non eravamo abituati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*