Gasperini umilia in diretta TV Sarri: la replica ai suoi alibi è da standing ovation

Gasperini
Gasperini

La ricerca degli alibi da parte di Maurizio Sarri dopo una sconfitta del Napoli non fa nemmeno tanto notizia, visto che in questi anni ci siamo abituati ad un tecnico sì molto bravo nel lavoro sul campo, ma che davanti alle telecamere spesso e volentieri mostra poca lucidità nel parlare dopo un pesante KO. Vedere per credere il video estratto direttamente dai canali RAI in queste ore in riferimento quanto avvenuto ieri sera dopo l’eliminazione giunta in Coppa Italia per mano dell’Atalanta ben allenata da Gasperini, il quale ha come sempre un approccio completamente diverso coi media rispetto al collega partenopeo.

Anche ieri sera, infatti, Sarri si è lamentato del calendario troppo fitto, della mancata possibilità di effettuare la bellezza di cinque sostituzioni in partite del genere, soprattutto quelle che si trascinano fino ai tempi supplementari, senza dimenticare la questione turnover ed il fatto che, a detta dell’allenatore del Napoli, i suoi ragazzi contro l’Atalanta in Coppa Italia avrebbero pagato la compagnia dei propri parenti in festa in questi giorni.

Insomma, ne abbiamo per tutti i gusti, al punto che la replica di Gasperini dati questi presupposti appare ancora più interessante. L’allenatore della compagine bergamasca, infatti, ha replicato punto per punto a tutte le lamentele di Sarri, pur potendo contare su una società dal budget nettamente inferiore al suo (elemento sul quale Sarri ha giocato spesso parlando del confronto tra il suo Napoli e la Juventus, tanto per fare un esempio).

Arrivati a questo punto dobbiamo necessariamente lasciarvi al video estratto direttamente dalla RAI con il quale andremo a condividere l’intervento da parte di Gasperini, che ha risposto in modo secco e indiretto ai continui alibi cercati da Sarri, il quale dal canto suo sembra fare sempre molta fatica ad ammettere i propri demeriti dopo una sconfitta giunta con un avversario dal fatturato inferiore al Napoli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*