Ennesimo vergognoso regalo alla Roma: scandalosa espulsione di De Roon, immagini chiare

Kolarov
Kolarov

Sta creando autentica indignazione in questi minuti sul web l’ennesimo favore arbitrale nei confronti della Roma, come si potrà percepire anche dal video che stiamo per condividere con voi. Dopo svariati calci di rigore che hanno fatto gridare allo scandalo nelle scorse settimane, infatti, i giallorossi si sono ritrovati in vantaggio di un uomo grazie alla clamorosa espulsione rimediata da De Roon per la sua Atalanta. Le immagini che stiamo per proporvi parlano da sole e davvero lasciano pensare.

Il giocatore nerazzurro, già ammonito, commette un banalissimo fallo di gioco su Kolarov e, nello stupore generale, rimedia il secondo giallo che ha costretto la compagine bergamasca a disputare il secondo tempo in dieci uomini. Una vera e propria ingiustizia, se pensiamo che fino a quel momento l’Atalanta stava letteralmente dominando sul campo della Roma. In precedenza, infatti, il punteggio era stato fissato sullo 0-2 grazie ai gol di Cornelia e dello stesso De Roon.

Poi la fantascientifica decisione arbitrale davvero insensata che ha privato i telespettatori di un match “giusto”. Dopo il discutibile rigore avuto nel derby e quelli letteralmente inventati contro Crotone e Cagliari (coi sardi si ricorda anche il gol di mano che non è stato annullato a Fazio), i ragazzi di Di Francesco riescono dunque a scavalcare nuovamente il VAR e a guadagnarsi un vantaggio evidente piuttosto pesante, quanto inspiegabile.

Staremo a vedere se ci saranno le stesse polemiche che sono seguite al gol di Mandzukic contro il Torino in Coppa Italia. Ecco il video che ci nostra il banale fallo di De Roon, costato il secondo giallo al centrocampista dell’Atalanta e utile alla Roma per guadagnare un’importante superiorità numerica nell’incredulità generale anche dei telecronisti Sky, vale a dire Trevisani e Adani, quasi imbarazzati nel commentare la decisione di Guida che ha deciso per il secondo giallo al centrocampista ospite.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*