L’Inter fa impazzire anche Spalletti: forte litigio in diretta TV coi giornalisti Mediaset


Con Luciano Spalletti l’Inter ha conquistato punti non solo sul campo, ma anche dal punto di vista comunicativo, considerando che questo tecnico in passato è stato tra i pochi a riconoscere i meriti della Juventus, mentre i suoi colleghi erano e sono alla costante ricerca di alibi. Eppure l’effetto del clima nerazzurro, purtroppo, pare avere i primi effetti anche su di lui, come si potrà notare con una certa facilità dal video preso direttamente da Mediaset Premium con l’intervista rilasciata dopo l’anticipo di Serie A tra Fiorentina ed Inter.

I nerazzurri stanno indubbiamente vivendo un momento difficile, complice una condizione fisica che ad oggi non appare adeguata, ma anche per una rosa ristretta che non garantisce a Spalletti le giuste alternative per affrontare al meglio la stagione. La domanda del giornalista di Mediaset Premium al tecnico interista andava proprio in quella direzione, ma a quanto pare di questi tempi basta davvero poco per scatenare reazioni se vogliamo eccessive anche con un personaggio solitamente equilibrato.

La replica di Spalletti in un primo momento sembra quasi divertita, poi arrivano le frecciate sia all’inviato, sia al conduttore presente in studio. Il tutto è probabilmente sintomo di un malessere che evidentemente affligge in questa fase l’allenatore dell’Inter in primis. E pensare che poche settimane fa si parlava addirittura della possibilità di lottare per lo Scudetto tra i nerazzurri, prima di dover fare i conti con la triste realtà.

Gustiamoci a questo punto il video che ci mostra quanto è avvenuto sui canali Mediaset Premium dopo l’anticipo di Serie A tra Fiorentina e Inter, con Spalletti che ha risposto in malo modo ai giornalisti nonostante la domanda fatta sulla rosa della squadra nerazzurra fosse legittima e probabilmente interpretata in modo sbagliato dal diretto interessato, contrariamente al suo stile che tutti abbiamo imparato a riconoscergli in questi anni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*