L’esilarante faccia di Crudeli dopo aver preso 4 gol dalla Juve: funerale in diretta TV

Crudeli
Crudeli

La finale di Coppa Italia tra Juventus e Milan è ormai alle spalle, ma come potrete notare attraverso il video che vogliamo proporvi oggi, ci sono ancora degli elementi che vanno trattati con grande attenzione grazie allo spettacolo che ci è stato offerto su 7 Gold. Stiamo parlando del modo in cui Tiziano Crudeli nel corso della trasmissione Diretta Stadio ha fronteggiato la marea bianconera, soprattutto durante il secondo tempo quando sono arrivati addirittura quattro gol della Vecchia Signora in appena venti minuti di gioco.

Impossibile non notare il modo in cui ha esordito in serata, con entrata in studio in stile Rocky. Probabilmente convinto che il Milan, forte della sua tradizione, potesse realmente creare dei problemi alla Juventus. La delusione che si è stampata sul suo volto man mano che i giocatori della Juventus hanno gonfiato la rete (giusto per utilizzare un’espressione tanto cara al buon Auriemma), rappresenta ancora oggi un elemento di grande goduria per tutti coloro che sono pazzi della Vecchia Signora.

Nessuna pietà da Oppini, tanto per farci un’idea dell’entusiasmo che ha contagiato milioni di juventini durante la finale di Coppa Italia. Prima l’esplosione di gioia al gol di Benatia, poi la presa in giro per gli errori di Donnarumma, fino ad arrivare al goffo autogol di Kalinic. Insomma, non è mancato assolutamente nulla nella terza sfida stagionale tra Juventus e Milan caratterizzata anche in questo caso da un netto successo bianconero.

Insomma, risate garantite osservando il video preso da 7 Gold con cui potremo goderci da un lato Crudeli finire in una profonda depressione dopo l’entusiasmo di inizio puntata per la finale di Coppa Italia tra il suo Milan e la Juventus, mentre dall’altro Oppini è letteralmente impazzito nei venti minuti di fuoco caratterizzati dai 4 gol che la squadra bianconera ha rifilato ai nemici di sempre, con una profondissima rosicata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*