Affronto epico: dal pullman Juve il coro tanto caro ai napoletani in versione bianconera

Pjanic
Pjanic

Si parla molto oggi 15 maggio di quanto avvenuto nel corso delle ultime ore nel pullman della Juventus, subito dopo la conquista del settimo Scudetto. Il video che stiamo per mostrarvi, infatti, è incentrato su un coro che si è alzato improvvisamente tra i giocatori bianconeri e che probabilmente risulterà familiare ai tifosi del Napoli. Ascoltare i neo campioni d’Italia gridare “Un giorno all’improvviso” in una versione del tutto nuova ed adattata alla Vecchia Signora, in effetti, ci fa godere non poco il giorno dopo la conquista del punto decisivo sul campo della Roma.

Per mesi i sostenitori partenipei ci hanno sfondato i timpani con quelle parole, nonostante i ragazzi di Sarri in questi anni non abbiano mai conquistato un trofeo. Per questo motivo è impossibile non rimarcare quanto avvenuto ieri sera tra i giocatori della Juventus. In particolare, attenzione ad uno scatenato Pinsoglio, diventato improvvisamente uomo spogliatoio grazie proprio al coro che lui stesso ha avviato. Ai più attenti, probabilmente, non sarà sfuggito anche un dito medio che sta facendo discutere parecchio.

Resta il fatto che, considerando il contesto venutosi a creare dopo la vittoria del campionato, il tutto va circoscritto a semplice goliardia. Insomma, sono ragazzi e in un momento del genere anche un gesto meno elegante può essere tutto sommato perdonato. Il rispetto per gli avversari in casa Juventus è fondamentale, anche quando questo non arriva dall’esterno verso una squadra che continua a vincere.

Ecco dunque il video epico che oggi 14 maggio ci farà godere da matti, con un Pinsoglio in versione assolutamente inedita, ma che i tifosi della Juventus hanno imparato ad apprezzare tantissimo nel corso delle ultime ore soprattutto se si pensa a quanto detto da Chiellini, oltre al fatto che a Napoli si è festeggiato probabilmente in modo eccessivo dopo aver vinto lo scontro diretto dello Stadium di tre settimane fa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*