Sarri ha perso lo Scudetto in albergo, Mertens e Insigne lo aiutano: sfottò esilarante

Insigne
Insigne

Si parla moltissimo in questi giorni delle dichiarazioni rilasciate da Sarri domenica scorsa alla RAI, quando l’allenatore del Napoli ha dichiarato senza molti giri di parole che il Napoli in realtà ha perso lo Scudetto appena conquistato dalla Juventus in albergo. Chiara l’allusione a quanto avvenuto poche settimane fa durante l’anticipo di Serie A tra i bianconeri e l’Inter, con il successo della Vecchia Signora giunto nei minuti finali grazie ad Higuain dopo non poche polemiche arbitrali. Da quell’intervista è nato un video con uno sfottò imperdibile.

La sequenza in questione, più in particolare, ci racconta non solo la grande performance di Sarri, ma anche quella dei vari Insigne e Mertens, protagonisti di recente di uno spot per Trivago. Il fatto che i due attaccanti partenopei abbiano parlato di alberghi nel messaggio pubblicitario, rende per forza di cose le immagini in questione imperdibili ed esilaranti per tutti coloro che hanno la Juventus nel cuore e che nelle ultime settimane hanno assistito a festeggiamenti un tantino esagerati.

Insomma, Insigne e Mertens sembrano avere la soluzione giusta per il povero Sarri, il quale da diverse settimane non riesce a trovare più lo Scudetto che ormai credeva di aver vinto, dopo il gol di Koulibaly allo Stadium. Immaginate come il tecnico del Napoli abbia reagito, vedendo il colpo di testa di Higuain finire alle spalle di Handanovic in occasione della sfida scudetto che si è avuta a San Siro.

Ecco il video che ci presenta uno degli sfottò più divertenti ai quali abbiamo assistito negli ultimi tempi a proposito del Napoli, visto che le immagini in questione ci presentano dapprima Sarri davanti alle telecamere della RAI dopo la partita di domenica scorsa contro la Sampdoria, poi il famoso spot che tempo fa ha visto protagonisti due giocatori come Insigne e Mertens a proposito di Trivago.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*