Conte stile Ferguson? Ora si può!


In occasione delle premiazioni al Gran Galà del calcio in cui la Juventus è stata assoluta protagonista con il titolo di migliore squadra della stagione 2012/2013 e delle affermazioni di Andrea Pirlo e di Antonio Conte rispettivamente come miglior giocatore in assoluto e miglior allenatore, lo stesso allenatore juventino ha rilasciato dichiarazioni importanti sul suo futuro, che faranno di certo sorridere tutti i tifosi bianconeri; infatti, dopo gli attesi ringraziamenti di rito a giocatori e staff, Conte si è pronunciato sul suo futuro usando queste parole:

“I programmi erano più a lunga scadenza, però poi abbiamo vinto al primo e al secondo anno e proviamo a farlo anche al terzo, vogliamo stupire. C’è un progetto importante, basato in Europa nel tempo, bisogna avere pazienza perché è un momento particolare a livello economico per il nostro calcio. Però abbiamo idee e abbiamo forza. Se resto? La Juve è casa mia, a casa si sta bene, si cerca di dare il massimo”.

Queste parole hanno certamente fatto piacere anche al tifoso bianconero numero uno, Andrea Agnelli, il quale non ha tuttavia bisogno di sentire proclami di questo tipo da parte di Antonio Conte, col quale è in strettissimo contatto e con cui parla quotidianamente:

“Con Conte ci parlo tutti i giorni, non ho bisogno di conferme. Lui è consapevole che alla Juve vincere è l’unica cosa che conta. Ora l’appuntamento con la storia sono i tre scudetti consecutivi che mancano da 80 anni”.

Con queste premesse, sembra plausibile aspettarsi un prolungamento del contratto di Conte, attualmente in scadenza nel 2015, con probabile aumento dello stipendio a 4 milioni di euro a stagione; tuttavia, lo stesso Conte ha sempre sottolineato il fatto che non è mai stata una questione di soldi con la Juventus, bensì di progetto, un progetto basato sulla continuità in Italia e sul costante miglioramento delle prestazioni della squadra in Europa. E per fare questo sarà necessario pianificare nei minimi dettagli una strategia di rafforzamento della squadra per la stagione 2014/2015 con gli acquisti di almeno due “top player” (l’attenzione di Conte è concentrata soprattutto su un esterno sinistro che possa far tornare la squadra ad un più europeo 4-3-3) e la conferma dei giocatori più importanti dell’ultima stagione come Vidal, fresco di rinnovo fino al 2017 e Pogba, obiettivo di mercato di molte superpotenze europee, PSG su tutte.

Se la Juventus riuscirà a completare questo progetto di crescita, Antonio Conte sarà sicuramente ben disposto a firmare un prolungamento per provare a portare la Juventus sul tetto dell’Europa che conta.