Inter salvata anche in Coppa Italia, c’è un rigore netto alla Fiorentina: giornalisti RAI increduli

Inter
Inter

L’Inter affronterà il Napoli nella semifinale di Coppa Italia, grazie alla vittoria ottenuta contro la Fiorentina per 2-1. Una partita decisamente non semplice per i nerazzurri che hanno dovuto fare i conti con una squadra ben organizzata ed in continuo pressing sui portatori di palla. L’Inter infatti nel primo tempo ha avuto molta difficoltà nel creare gioco, ma sullo scadere ha trovato il gol del vantaggio.

Nella ripresa i nerazzurri sono partiti nettamente con uno spirito diverso, più agguerrito e non sono mancate le occasioni da gol, non concretizzate. A questo punto si è verificato in campo quanto sta accadendo ultimamente nelle partite dell’Inter, ossia il pareggio della squadra avversaria. La Fiorentina è infatti riuscita a trovare il gol dell’1-1 grazie al colpo di testa di Caceres da calcio d’angolo. Poco dopo i viola hanno anche avuto la possibilità di andare in vantaggio, ma Handanovic ha fatto il miracolo sull’attaccante viola.

L’Inter è poi riuscita a trovare il gol del 2-1 grazie ad una prodezza di Barella, ma ciò che lascia un bel po’perplessi è il mancato rigore concesso alla Fiorentina, sempre su un’azione di calcio d’angolo. Infatti in questa situazione Caceres è stato nettamente atterrato in aria di rigore da Godin, ma l’arbitro ha fischiato più un fallo in attacco per una spinta di un calciatore della Fiorentina su Ranocchia. E’ vero che Godin e Caceres erano lontani dalla palla, che non sarebbe quindi mai arrivata sui piedi o sulla testa del difensore viola, ma resta il fallo ingenuamente commesso dal difensore uruguagio e non punito.

L’errore da parte dell’arbitro e del VAR è stato evidenziato nel post partita all’interno degli studi RAI, grazie all’addetto alla moviola. Non è stato chiaro il perché, in una situazione di questo tipo, il VAR non sia assolutamente intervenuto. Forse faceva più comodo per tutti vedere un’Inter in semifinale sfidare il Napoli. Ecco il video preso dalla RAI.