Si profilerebbe una cessione importante: per la Gazzetta pesano i conti in rosso


Secondo la Gazzetta con l’approvazione dell’ultimo bilancio e una perdita di 71 milioni la Juve non può attuare grandi colpi di mercato a meno di far cassa con le cessioni. Ma ci vorrebbe una cessione importante in quanto i pezzi in esubero, come il caso di khedira, non hanno mercato. Questa potrebbe essere la spiegazione per un mercato della Juve che non sta regalando i colpi necessari: finora niente terzini, niente centrocampista di qualità e ancora niente sostituto di Higuain.

Bisognerebbe capire anche quanto di questa perdita è dovuta al covid e al calo delle entrate e quanto dipende da scelte sbagliate. Ad esempio la Juve ha pagato per un anno a vuoto Allegri e ora pagherà allo stesso modo Sarri. Ha appena svenduto mr 94 milioni Higuain e spera di poter fare lo stesso con Khedira per non pagargli uno stipendio da 7 milioni di euro.

C’è da dire che la Juve fa parte del gruppo Exor che fattura miliardi e gode di ottima salute finanziaria e che la società bianconera ha attuato un aumento di capitale di 300 milioni che le permette di ammortizzare la perdita.

Ecco la riflessione sui conti Juve:

Detto che il conto economico è appesantito, come era accaduto un anno fa, dall’accantonamento per l’esonero del tecnico (15 milioni Sarri contro i 17 di Allegri), la perdita verrà coperta dalle riserve accumulate con l’aumento di capitale da 300 milioni. Una vera fortuna per la Juve, che pur in un contesto molto complicato, non presenta rischi di tenuta. L’indebitamento finanziario netto a 385 milioni (era 464 un anno fa) va comunque tenuto sotto controllo e non consente grandi margini di azione sul mercato, a meno di cessioni remunerative. Cosa che gli amministratori non escludono. Il problema è che mancano gli acquirenti…».