Manca una punta di riserva: l’idea di Paratici per gennaio o reinventare Kulusevski


Si avvicina velocemente il mercato di gennaio, e ad un mese e mezzo dall’apertura è chiaro che alla Juve mancherebbero diverse pedine. Non c’è un centrocampista regista e manca un rinforzo sulla fascia sinistra. Ma la partita con la Lazio ha mostrato un’altra carenza. Quando Morata è uscito per crampi Pirlo non aveva un’ltra punta con cui sostituirlo. In passato sarebbe entrato un Mandzukic capace di tenere alta la squadra, di lottare. Si è evidenziato che come punta c’è solo Morata ma anche lui deve rifiatare, basti pensare che i bianconeri giocheranno 10 partite in 30 giorni.

La pista per gennaio si chiama Olivier Giroud, l’attaccante del Chelsea che aveva già detto si alla Juve, e che al Chelsea continua a non trovare posto e verrebbe di corsa alla Juve anche per riconquistarsi il posto in Nazionale alle porte dei mondiali.

Sarebbe un acquisto low cost, quello che serve alla Juve. In estate sarebbe potuto arrivare Kean ma ha scelto il PSG.

Ma c’è anche la soluzione in casa e si chiama Kulusevski. Pirlo lo aveva provato come punta nella prima gara contro la samp e aveva segnato, poi è entrato col Verona ed è andato in gol su azione sua di forza. Il ragazzo sta mostrando di essere più importante vicino alla porta piuttosto che sulla fascia a sfiancarsi. E se sono accorti anche nella nazionale svedese dove lo hanno schierato nel nuovo ruolo in attacco e lui ha segnato il suo primo gol in Nazionale. Roba che a 20 anni è successo a gente del calibro di Ibrahimovic.

Forse un segno dl destino, che Kulusevski debba cambiare ruolo e diventare più punta.