Agnelli lascia la Juve per la Ferrari? Spuntano i dettagli della clamorosa indiscrezione


E’ Gigi Moncalvo a firmare il pezzo sul quotidiano ‘La Verità‘ che ha suscitato grande scalpore nelle ultime ore. Il giornalista prospetta uno scenario che, se concretizzato, avrebbe del clamoroso: Andrea Agnelli, presidente della Juventus e artefice di un indimenticabile decennio di trionfi bianconeri, punterebbe al ruolo di amministratore delegato della Ferrari.

Poltrona che, lo ricordiamo, al momento è vuota visto che un mese fa sono arrivate le dimissioni di Louis Camilleri, per motivi personali, a sua volta sostituto di Marchionne, deceduto due anni e mezzo fa. Si tratterebbe ovviamente di un incarico non solo prestigioso ma anche affascinante visto che la “rossa” arriva da una stagione a dir poco deludente e che il mondiale piloti a Maranello manca ormai da 13 anni. Insomma, Agnelli vede una possibilità concreta di operare un altro “miracolo” sullo stile di quanto già fatto con la Juventus ancora alle prese con le scorie di Calciopoli.

Si tratta, ovviamente, soltanto di voci assolutamente non confermate. Le indiscrezioni parlano di Agnelli deluso, qualche mese fa, quando il cugino John Elkann non lo ha inserito nel Cda della Ferrari, preferendogli Lapo. Ora, però, punta al ruolo più importante.

Il pezzo di Moncalvo va però anche oltre e, ovviamente, l’autore è responsabile di quanto scritto sul quotidiano. Si parla della prospettiva di un debito lordo che salirà addirittura a 600 milioni di euro, dei conti non più sostenibili e di un malcontento di John Elkann per diversi episodi che si sono succeduti negli ultimi mesi (dal caso Suarez alle polemiche col Napoli, passando anche per il ruolo di Albanese e gli atteggiamenti di Nedved. Il tutto dando per scontato che l’eventuale cambio al vertice impedirà di chiudere il rinnovo di Cristiano Ronaldo che, lo ricordiamo, ha il contratto in scadenza nel 2022 e guadagna 31 milioni di euro netti a stagione.