Di Livio spietato: se esce col Porto, finisce l’esperienza di Pirlo alla Juve


Angelo Di Livio, soprannominato il soldatino, ex centrocampista Juve ha espresso il suo pensiero sulla posizione di Pirlo.

Di Livio non è stato tenero e ha spiegato che se Pirlo non superasse il turno di Champions potrebbe dire addio alla Juve.

E in effetti dopo il ritardo in campionato e le brutte prestazioni nel gioco quella potrebbe essere la goccia che farebbe traboccare il vaso convincendo la dirigenza a cambiare strada.

Le attenuanti di Pirlo non sono poche: ha tanti assenti, non ha potuto disputare un precampionato in cui provare la squadra. Ma si sa che il calcio è spietato, non da tempo soprattutto se alleni la Juve in cui devi solo vincere.

Ecco le parole di Di Livio:

PIRLO – «Su Pirlo si possono dire tante cose, ma una cosa è certa: non può uscire con il Porto. Si gioca la carriera sulla panchina bianconera in Champions, dovesse essere eliminato agli ottavi credo che a fine stagione si interromperebbe la sua esperienza juventina».

 

RISCHIO CATASTROFE – «La maledizione continua, anche se c’è ancora il ritorno e la Juve a Torino può ribaltare tutto. Sono convinto che possa farcela. Sarebbe una catastrofe per i bianconeri uscire agli ottavi».

JUVE IN CHAMPIONS – «Questa Juve non è forte e competitiva come eravamo noi. L’organico è incompleto e con tanti giocatori non abituati a giocare partite di alto livello. Inoltre puntano più sulle invenzioni sui singoli che sul collettivo».