Allegri ne cambia 7: tornano i sudamericani contro il Malmoe


Il ritorno dei sudamericani permette ad Allegri di rivoluzionare la squadra che ha giocato contro il Napoli per la sfida di Champions di stasera.

Si contano sulle dita di una mano i sopravvissuti che dopo Napoli scenderanno titolari anche stasera.

Sembra una beffa ma l’inamovibile pare proprio Szczesny, il colpevole di questo tragico inizio di campionato. E il polacco ha un contratto fino al 2024.

In difesa i due terzini brasiliani Danilo e Sandro mandano in panchina De Sciglio e Pellegrini.

Con Bonucci centrale non ci sarà Chiellini ma l’olandese De Ligt.

A centrocampo i sopravvissuti si chiamano Rabiot e Locatelli, quest’ultimo autore di una buona prova contro i partenopei.

Con loro a centrocampo ci saranno Bentancur centrale con Loca e Cuadrado sulla fascia destra.

In avanti confermato Morata ma con il rientrante Dybala. La Joya aveva saltato la sfida di Napoli. Eppure in Nazionale aveva giocato solo qualche minuto. Mentre Lautaro sempre presente in campo, domenica con l’Inter è partito titolare e ha anche segnato.

Dovrà ancora aspettare Kean che dopo Napoli resterà seduto in panchina.

Bocciati, dunque, anche Mckennie e Kulusevski. Mentre Bernardeschi è indisponibile per infortunio.

Allegri in conferenza ha chiesto ai giocatori di darsi una svegliata. Vedremo se la Juve smetterà di fare regali agli avversari e diventerà più cinica. Soprattutto il polacco che è riuscito in tre partite a bruciare da solo almeno un paio di vittorie. Punti pesanti che si potrebbero pagare  acaro prezzo.

La sfida in Champions potrebbe essere importante sotto l’aspetto psicologico dopo le cocenti delusioni di campionato.