Allegri nervoso, prima lascia il campo in anticipo poi parla di Vlahovic: “Va calmato”


Con la vittoria in rimonta sul Sassuolo, la Juventus si assicura la qualificazione in Champions League e mette nel mirino anche il terzo posto del Napoli, distante solo un punto. Allegri ha parlato ai microfoni di ‘Dazn’ e non ha nascosto la sua soddisfazione: “Oggi contava vincere, è un risultato pesante per la classifica tenuto conto anche che il Sassuolo ha disputato una bella partita. Ora c’è una partita importante col Venezia, dobbiamo chiudere il discorso quarto posto e poi siamo solo a un punto dal Napoli. Dobbiamo vincere le ultime partite, il resto non conta nulla”.

In realtà il finale di partita non è stato affatto sereno per Allegri che ha lasciato il terreno di gioco addirittura con due minuti d’anticipo, imbufalito. Il toscano ha provato a spiegare: “In una delle due ultime giocate in difesa bisognava far meglio, ero arrabbiato. Ci sono dei giovani che ancora non capiscono quei momenti, a 30 secondi dalla fine non si più restare sopra la linea della palla, la partita è finita”.

Il riferimento va a Vlahovic, già punzecchiato nelle scorse settimane, sempre con l’obiettivo di migliorare e tranquillizzare il serbo: “Dusan è giovane e ha poca esperienza di calcio. Con lui parlo molto, deve rasserenarsi, pretende troppo da se stesso. E’ un 2000, è normale che possa vivere le partite con troppa frenesia ma a volte sbaglia per questo motivo. Deve trovare il giusto equilibrio, va un po’ calmato”.