Pecci su Lautaro: alla prima occasione cerca di fregare l’arbitro e si butta


Molto chiaro il pensiero di Eraldo pecci su Lautaro Martinez dell’Inter. Può diventare un giocatore molto forte ma deve smetterla di buttarsi alla prima occasione per fregare l’arbitro e guadagnare il rigore.

La coce di pecci in merito non è certo solitaria perchè molti tifosi hanno evidenziato questo comportamento. Il problema è che tali comportamenti non vengono puniti e spesso arbitro e Var concedono il penalty.

in questo modo si snatura anche il dna del Calcio che è uno sport di contatti. Ma ormai alla moviola ogni tocco seguito da una caduta viene considerato da rigore.

Il penalty dovrebbe essere la misura estrema, da concedere solo per occasioni che pregiudicano azioni importanti potenzialmente trasformabili in gol.

Nelle due gare della Juve, in finale di Coppa Italia e Supercoppa, all’inter sono stati concessi ben tre rigori. E tutti per tocchi abbastanza velleitari.

Chissà se in Italia finirà questa moda di concedere il rigore a ogni tuffo carpiato degli attaccanti.

Naturalmente ci sono alcuni giocatori più avvezzi a queste furbizie che non aspettano altro che il minimo contatto per togliere le gambe e finire a terra.

Diciamo che Lautaro sembra proprio uno di quelli più sensibile a questa fragilità in area di rigore.