Allegri ora mostra i muscoli: “Nessuno credeva in noi, è cambiato il clima in squadra”


Terzi, da soli, miglior difesa del campionato, sei vittorie di fila (due contro avversarie di livello come Inter e Lazio, oltre al derby) senza subire gol: alzi la mano chi avrebbe pronosticato questo filotto dopo il clamoroso k.o. col Maccabi Haifa, in Champions League.

Non ci credeva nessuno, poco da girarci attorno. Ed è per questo motivo che Massimiliano Allegri si toglie qualche sassolino dalle scarpe dopo la gran vittoria contro la Lazio di Sarri: “Nessuno avrebbe detto che alla sosta saremmo stati terzi, è un saltino in avanti. Io sono abituato a parlare poco anche perché nel calcio le cose cambiano velocemente e spesso accade il contrario di quanto si dice il giorno prima. C’è solo da cercare di vincere ogni partita, in qualsiasi modo. Ora vanno ringraziati i ragazzi. La miglior difesa del campionato? Sono cambiate alcune cose, c’è uno spirito diverso, tutta la squadra lavora e siamo cresciuti fisicamente. Ora ci godiamo un po’ di riposo e proviamo a ricaricare le batterie”.

Allegri parla anche della rimonta scudetto: “Per ora il Napoli fa un campionato a sé, la media è impressionante: può chiudere il girone d’andata a 53 punti, ciò vuol dire che il campionato non si vince con meno di 90 punti”.

Il tecnico toscano parla anche della sosta: “Credo che ci volesse, abbiamo ancora troppi giocatori fuori e altri col punto interrogativo. Chiesa e Pogba potranno prepararsi bene, poi vedremo come rientreranno coloro che giocheranno i Mondiali. Ma c’era bisogno di tirare il fiato, i ragazzi hanno fatto cose importanti nell’ultimo mese e mezzo. Kean? Ha cambiato approccio mentale, ora è molto più equilibrato”.