Mckennie e non solo, via a gennaio: la Juve fa spazio e cassa


Fagioli ringrazia ancora Mckennie perchè senza quell’infortunio nell’intervallo non sarebbe mai entrato per dimostrare quanto vale. E in realtà lo ringraziano anche i tifosi della Juve perchè da quando è uscito dal campo la Juve ha solo vinto e anche giocato meglio.

Forse un amore nato male tra lo statunitense  e la Juve dato che il suo arrivo fece saltare quello di un killer come Suarez per via degli slot degli extracomunitari.

Nell’ultimo mese è sembrato chiaro che in campo devono starci Fagioli e Miretti e non Mckennie che per carità mette l’anima ma ha dei piedi imbarazzanti per la serie A.

Qualche volta grazie alla sua elevazione ha segnato di testa ma la bacchetta di Harry Potter è stata sguainata veramente poco e ora rischia di non essere più esibita alla Juventus.

In principio Mckennie sembrava potesse diventare un ottimo incursore ma pian piano si è capito come abbia grosse difficoltà tecniche anche nel compiere il più semplice dei passaggi.

La Juve a gennaio vuole fare spazio e magari monetizzare e l’americano potrebbe portare dai 15 ai 20 milioni di euro vista la giovane età.

Mckennie non è il solo che potrebbe lasciare la Juve a gennaio dato che ad esempio Rugani è scivolato pure dietro Gatti e con l’utilizzo di Danilo a centrale sono veramente poche le chance di vederlo in campo.

Ma per Rugani sarà molto difficile monetizzare, magari la Juve può giusto riuscire a mandarlo in prestito risparmiando gli ultimi sei mesi di stipendio.

Coi soldi da Mckennie e Rugani la Juve potrebbe già piazzare un altro colpo a inizio anno senza rompere il salvadanaio di Arivabene.