Chiesa rifiuta il rinnovo al ribasso? Giuntoli pensa ad un clamoroso scambio col Manchester United

chiesa

La stagione 2024-25 della Juventus inizia con alcune incognite e tra queste spicca il futuro di Federico Chiesa. Nonostante un anno di contratto rimanente, l’esterno azzurro sembra sempre più lontano da un club che investì 60 milioni di euro per strapparlo alla Fiorentina quattro anni fa. Ora, con l’ultimatum della Juventus, Chiesa deve decidere se accettare un rinnovo al ribasso o cercare fortuna altrove.

La Roma, che inizialmente aveva mostrato interesse per Chiesa, si è recentemente tirata indietro, forse scoraggiata dalle sue titubanze o poco convinta di investire in un giocatore non più giovanissimo. Tuttavia, Chiesa ha chiesto tempo fino a dopo il matrimonio per riflettere, sperando probabilmente in un’offerta da un club straniero che gli permetta di giocare in Champions League.

La Juventus, dal canto suo, si trova in una situazione complicata. La cessione di Chiesa avrebbe potuto portare nelle casse del club tra i 20 e i 25 milioni di euro, una somma che avrebbe permesso di puntare su Teun Koopmeiners dell’Atalanta. Tuttavia, con la Roma fuori dai giochi e nessuna offerta concreta sul tavolo, Chiesa rischia di diventare un ostacolo per il mercato bianconero.

Thiago Motta, nuovo tecnico della Juventus, non sembra considerare Chiesa una pedina fondamentale nel suo schema di gioco. Motta preferisce puntare su Mathias Soulé, giovane argentino rientrato dal prestito al Frosinone, che vede meglio integrato nel suo tridente d’attacco. Soulé ha attratto l’interesse di diversi club, tra cui Leicester e Marsiglia, ma al momento non ci sono offerte concrete.

La Juventus non può permettersi di perdere Chiesa a parametro zero, come accaduto con Paulo Dybala, e lo mette quindi alle strette: rinnovo con ingaggio ridotto o addio. Chiesa, attualmente guadagna 5 milioni di euro più bonus, per un totale di circa 6 milioni. Il club ha considerato anche l’ipotesi di uno scambio di mercato, valutando un accordo con il Manchester United che vedrebbe l’arrivo di Jadon Sancho a Torino. Tuttavia, mentre Sancho ha dato il suo consenso, l’allenatore dei Red Devils, Erik ten Hag, ha richiesto tempo per riflettere.

Un’altra possibilità è che Chiesa decida di restare alla Juventus fino alla scadenza del contratto nel 2025, sperando di negoziare un ingaggio più alto. Ma questa scelta potrebbe rivelarsi pericolosa. Con Motta che non lo vede come un titolare, Chiesa rischierebbe di finire ai margini della squadra, diminuendo così le sue possibilità di mettersi in mostra e di attrarre l’interesse di club prestigiosi.