La Juventus del futuro. Ecco i nomi dei giovani più interessanti


Dopo il poker rifilato al Milan, costato la panchina a Massimiliano Allegri, tutti parlano solo di Domenico Berardi, talentino classe 94 prossimo ad un futuro bianconero. Ma la fortuna della Juventus parte da lontano. Operazioni di mercato sconosciute pronte a rivelarsi veri e propri affari. Marotta e Paratici negli anni hanno lavorato sodo ed ora la scuderia per la Juventus del futuro inizia a delinearsi. Facciamo il punto della situazione, parlando dei talenti più interessanti che potrebbero illuminare tra pochi anni lo Juventus Stadium.

Se Berardi in 14 presenze ha segnato 11 goal venendo osannato da tutti, non possiamo dimenticare un altro giovane di grande prospettiva: Simone Zaza. Classe 91, il ragazzo è esploso l’anno scorso ad Ascoli, segnado 18 goal in 35 presenze. Il suo cartellino è metà della Juventus e come dichiarato, l’obbiettivo sarebbe vestire il bianconero.

Altro nome pesantissimo è quello di Manolo Gabbiadini, gestito insieme alla Sampdoria. Classe 91, dotato di grandi qualità tra le quali il senso della posizione, la velocità e un buon fisico, può giocare in diverse posizioni. Dal 2009 nel giro delle nazionali minori  U-20 e U-21 con diverse presenze condite da tanti goal.

Un grande talento, Daniele Rugani, classe 94. Notizia di oggi  l’acquisizione della metà del suo cartellino da parte del Sassuolo ( l’altra metà è della Juventus), rinforzando ancora di più il rapporto tra i due club in prospettiva. Uno dei difensori più interessanti della serie cadetta, attualmente all’Empoli.

Ciro Immobile, in comproprietà con il Torino, fortissimo attaccante che potrebbe rientrare in diversi affari ( es. Alessio Cerci).

Nicola Leali, classe 93, in prestito dalla Juventus allo Spezia, con la voglia di diventare il nuovo Buffon.

Se poi si guarda alla Primavera di  Andrea Zanchetta, ecco fremere giocatori come  il portiere Emil Audero o il difensore Filippo Romagna. Per l’attacco Anastasios Donois oppure Younes Bnou-Marzouk.

Altro grande talento, classe 97, del Manfredonia, si tratta di  Lorenzo Granatiero. Nel corso di uno stage a Torino è riuscito a convincere lo staff tecnico delle giovanili a portarlo a Vinovo. Tutti giocatori di belle speranze, pronti a giocarsi le proprie carte per fare il salto di qualità. Tra loro ci sono anche nomi già affermati, non ultimo quello di Alvaro Morata del Real Madrid, con la voglia di giocare regolarmente. Per lui si sarebbero fatte avanti molte squadre, tra cui la Juventus. Lo scoglio più grande sarebbero le pretese Real.

Per concludere ecco una carrellata delle altre idee in casa bianconera: Daniele Baselli, classe 92,, forte regista dell’Atalanta. Davide Zappacosta, fortissimo terzino dell’Avellino ad un passo dalla Juve. Marc-Oliver Kempf, centrale dell’ Eintracht Francoforte. Recente l’ipotesi Ricardo  Kishna, esterno dell’ Ajax, offerto da Mino Raiola a Marotta.

Operazioni al fine di comporre una Juve sempre più giovane, di prospettiva, senza sborsare  troppi milioni per mezzi giocatori. Alcune ipotesi sono realizzabili, altre più complicate, ma l’importante è l’impegno costante dello staff di Marotta per costruire qualcosa di grande: La Juventus del futuro.