Kulusevsky scatenato: punisce l’Atalanta ma non esulta per rispetto


Abituato a scardinare le difese sulla fascia destra ha ormai preso gusto al gol e da tre turni consecutivi mette la palla in rete regalando vittorie al parma. Anche oggi non è stato da meno punendo la sua ex suadra l’Atalanta e per rispetto verso gli ex compagni e tifosi non ha accennato nemmeno un minimo di festeggiamento, anzi ha abbassato la testa mentre i compagni lo abbracciavano.

Finora la Juve ha messo le mani sul giovane talento del parma importante per la fascia dove sembra in partenza Bernardeschi e su Arthur il centrocampista del Barca che ha un gioco più adatto al fraseggio veloce di Sarri. Ma nello scambio è partito un regista come Pjanic. In avanti dove vien dato in partenza Higuain c’è un primo accordo con Milik. Poi c’è il capitolo difesa con Chiellini e Demiral reduci dallo stesso infortunio non ancora in grado di tornare in campo. Rugani non ha dimostrato di essere cresciuto al punto da dare affidabilità.

Anche De Sciglio è stato quasi sempre infortunato e quando è entrato non è andato mai oltre il compitino. Alex Sandro ha vissuto delle fiammate ma anche realizzato degli errori davvero inaccettabili per un difensore nazionale brasiliano.

A centrocampo sembra iniziare a brillare Rabiot mentre Ramsey non ha ancora dato prova delle sue abilità. Matuidi dà sempre l’anima ma purtroppo l’età avanza anche per un combattente come lui.

In partenza anche Khedira e ci son dubbi su Douglas Costa che ha trascorso un anno quasi interamente in infermeria. Insomma una Juve che sembra all’alba di una rivoluzione.

 

Ecco il Video: