De Laurentiis: “Siamo usciti a testa alta e mi son divertito fino alla fine”


E si chiude con questo pensiero di De Laurentiis e con la sua sconfitta sul campo, la partita più lunga della storia del calcio. in programma il 4 ottobre, spostata due volte, giocata ad aprile.

Vince la Juve, come dire tanto rumore per nulla. Dopo che il Napoli non partì arrivò la sconfitta a tavolino e il punto di penalizzazione. Furono confermate da due gradi di giudizio ma poi la terza sentenza riaprì tutto. E ancora un o spostamento fu richiesto dopo la fissazione del 17 marzo.

Ma questi spostamenti hanno aiutato il Napoli? Visto com’è andata forse a De Laurentiis conveniva prendere quell’aereo. vero che gli mancavano due giocatori più Insigne ma la Juve di Pirlo ancora all’inizio non ne aveva indovinate molte. Rabiot era squalificato e Dybala infortunato. E ancora Chiesa non era nemmeno della Juve. Praticamente mancavano i tre protagonisti di ieri.

Ma chi la fa l’aspetti! Si dice.

La verità è che così si è stravolto un regolamento e creato disparità. La Juve e le altre squadre hanno sempre giocato in ogni condizione, persino ieri i bianconeri avevano due assenti per covid.. L’Inter ha rinviato causa assenti con il Sassuolo.

Ecco il tweet di De laurentiis: