Allegri: “Pjanic? Ramsey ha giocato bene davanti alla difesa, può diventare il regista”


La Juve ha vinto il trofeo Berlusconi con i gol del promettente Ranocchia e Kulusevski. Ma Allegri ha sorpreso un pò tutti quando ha parlato di Ramsey.

L’allenatore livornese ha schierato Ramsey davanti alla difesa e a fine partita ha dichiarato che in quel ruolo può diventare un top e sostituire giocatori come Pjanic.

In realtà Ramsey ha giocato solo 45 minuti e con scarsi risultati. Già in passato Pirlo si era innamorato di lui e lo aveva schierato in più posizioni, interno di centrocampo, esterno nel centrocampo a tre, trequartista ma sempre con scarsi risultati.

Vedremo se Allegri tirerà fuori il coniglio dal cilindro resuscitando il gallese e trovando allo stesso tempo il play per la squadra.

Ma bisogna aggiungere che se anche Ramsey coprisse bene il nuovo ruolo resterebbero i dubbi sulla sua tenuta. Lo scorso anno non riusciva a fare due tre partite senza infortunarsi e mancare a lungo.

Le parole di Allegri:

Aaron è già bravo nella lettura del gioco e nell’interdizione, ma ha anche geometrie e pulizia di gioco: se si convince può diventare un grande regista

Pjanic? Il mercato lo fa la società e Pjanic ora è un giocatore del Barcellona, ma intanto stasera Ramsey ha fatto un’ottima partita davanti alla difesa, può essere molto imporante per noi e per convincerlo – (ha aggiunto l’allenatore livornese sorridendo) – gli ho detto anche che in quella posizione si corre meno”.

Allegri ha parlato anche degli altri, da Fagioli a Kulusevski a Ronaldo:

Su Kulusevski e Fagioli:

Kulusevski è bravo e ha qualità ma è un classe 2000 e deve ancora migliorare, ad esempio nel modo in cui attaccare la porta. Fagioli? Stasera quando è entrato ha giocato un buon secondo tempo, cattivo e giocando più pulito. È cresciuto e ora vedremo cosa fare insieme alla società”

Sui giovani:

Abbiamo giovani bravi, ma è normale che manchi loro ancora un po’ di esperienza: per alcuni buttare via un pallone è ancora vergogna e invece è peggio perderli in certi momenti e in certe zone. Va insegnata loro un po’ di malizia