Allegri contestato per formazione e cambi: i motivi delle sue scelte con l’Empoli


La Juve perde un’imbarazzante gara in casa con la neopromossa Empoli e sul banco degli accusati finisce Allegri alla sua seconda partita.

I tifosi non hanno gradito gli ennesimi esperimenti in formazione e nemmeno i cambi effettuati dal tecnico.

Nel dopo gara il Mister non ha fatto me culpa ma ha parlato di “frenesia ed errori tecnici dei giocatori”.

Ma vediamo quali sono le scelte contestate da molti tifosi e le possibili spiegazioni.

Innanzitutto Allegri ha riproposto quella che è stata un’invenzione di Pirlo, Danilo a regista. Ma stavolta in panchina non c’era solo il poco esperto Fagioli ma anche Locatelli. Il Mister si è giustificato dicendo che l’ex Sassuolo ha solo 30 minuti nelle gambe. Ma sarà davvero così? Perchè l’impressione è che Locatelli se fosse rimasto al Sassuolo magari avrebbe già giocato titolare le prime due gare.

Un pò come la prima partita in cui ha lasciato fuori Ronaldo con la motivazione di non essere al top. Ma in quel caso entriamo in una black box di cui forse solo in futuro conosceremo la verità.

Poi c’è stato l’esperimento Mckennie, avanzato a sinistra quasi nel ruolo di Ronaldo. Il Mister l’aveva preannunciata in conferenza spiegando che il texano è un offensivo e ha i gol nelle gambe. E Morata non era al top, aveva svolto differenziato ed era in dubbio per il match.

Così è rimasto in panchina Kulusevsky subentrato nel secondo tempo.

A parte la formazione al Mister vengono imputati anche cambi errati come l’uscita di Chiesa, migliore in campo e di Cuadrado sostituito da De Sciglio quando si era sotto di un gol.

Ma qui la spiegazione sembra dovuta alla tenuta fisica dei due giocatori che nella Juve pe ruolo e caratteristiche corrono più di tutti. Impossibile tenerli 90 minuti a questi ritmi senza rischiare magari infortuni inutili.

Chiaro che vedere entrare De Sciglio quando si è sotto di un gol può scoraggiare ma se si guarda la rosa c’era ben poco da scegliere.

In panchina erano rimasti Rugani difensore e gli under 23 Fagioli e Ranocchia, di certo non adatti al ruolo di fascia.