Boniek vorrebbe la Stella: Agnelli capirà di aver fatto un grave errore


L’ex giocatore della Juve Boniek è tornato sulla famosa stella allo Stadium che gli venne tolta. a suo dire in quel caso Agnelli ha commesso un errore ma prima o poi capirà di aver sbagliato.

Boniek sostiene che la stella gli fu tolta per accontentare una frangia di tifosi che non volevano concedergliela dopo essersi professato tifoso della Roma.

In effetti già questo, diciamo che potrebbe essere un prerequisito importante per avere diritto ad una Stella allo Juventus Stadium..

Ma Boniek aggiunge, commettendo un autogol, di non aver mai fatto nulla di male contro la Juve e di aver detto solo che una grande squadra non deve avere dirigenti che l’aiutano a vincere le partite fuori dal campo.

Un’esternazione che fa riferimento a calciopoli ma che diventa quasi un’accusa. In realtà la Juve ha vinto sempre le partite sul campo. La squadra pre calciopoli era più forte di una Nazionale con giocatori fortissimi e non aveva certo bisogno di favori arbitrali.

Resta, comunque, anche questa una frase che non sembra esser proferita da un’amante della Vecchia signora.

Per ricevere una Stella allo Stadium non bastano i meriti sul campo ma ci vuole anche il cuore bianconero.

Quando un tifoso della Juve entra allo Juventus Stadium per ammirare le stelle di certo deve sentire in loro l’amore e lo spirito della Juventus.

E sui social sembra che Boniek non abbia mai conquistato più di tanto i cuori bianconeri. Altro motivo che non dovrebbe portarlo alla polemica per la Stella non assegnatagli.

Ecco le sue dichiarazioni:

“Una società importante come quella bianconera non aveva bisogno di dirigenti che l’aiutassero a vincere le partite fuori dal campo”