A Pjanic mancano i tifosi della Juve ma dice: “Ora sono nel club più grande al mondo”


Miralem Pjanic, a 30 anni, si è trovato catapultato in una nuova realtà: dopo nove anni d’Italia, il bosniaco ha cominciato una nuova avventura al Barcellona. L’inizio non è stato quello sperato: Koeman non vede l’ex Juventus tra i “titolarissimi”, di fatto in campionato l’ha schierato soltanto una volta dal primo minuto su 10 giornate. Nemmno il pessimo inizio di Liga dei “blugrana” ha per ora convinto l’olandese a dare più spazio a Miralem, evidentemente deluso.

In un’intervista concessa in esclusiva alla ‘Gazzetta dello Sport’, Pjanic non ha nascosto il disagio: “Non è quello che mi aspettavo, nella mia carriera non ho mai accettato di essere panchinaro. Mi sto allenando bene, quando sono stato chiamato in causa ho dato il mio contributo, non posso fare molto di più. Devo soltanto aspettare che le cose cambino, anche se la situazione è delicata e di certo a me non conviene. Sono comunque contento di essere qui al Barcellona: c’è un forte senso identitario, esattamente quello che traspare anche all’esterno. In Italia ho passato nove anni molto belli tra Roma e Juve, mi manca. Ora però ho deciso di accettare la sfida di giocare nel club più grande al mondo e devo dare il meglio di me stesso”.

Nonostante la “pizzicata” alla Juventus, probabilmente involontaria, Pjanic ha dichiarato in diversi passaggi il suo amore verso i colori bianconeri: “Ci sono stati tanti cambiamenti quest’anno, c’è necessità che i nuovi capiscano il mondo Juve. Passato questo periodo non vedo perché la Juventus non possa vincere nuovamente. I bianconeri hanno l’obbligo di vincere tutto, la società è solida e forte, c’è un presidente sempre presente che aiuterà anche il nuovo allenatore. Ora serve solo pazienza. Per quanto mi riguarda, porto la Juve nel cuore, seguo tutte le partite quando posso. Sono stato felice al momento del sorteggio ma mi è dispiaciuto non poter giocare a Torino coi tifosi sugli spalti. Mando loro un grande abbraccio, voglio bene ai tifosi della Juventus e mi mancano tanto”.